Durante lo sviluppo dell'umanità, siamo stati costantemente esposti alla luce del sole che è essenziale per la vitamina D. Le preoccupazioni sul cancro della pelle ci hanno insegnato ad evitare la luce solare diretta, che ha portato infine a un declino a livello mondiale i valori della vitamina D nei nostri corpi.

La carenza di vitamina D è così diffusa che possiamo parlare delle endemica del nostro tempo. Si stima che fino a 1.000 milioni di persone soffrano di questa carenza. Ciò che influenza tutta la vitamina D verrà appresa nella prossima serie di articoli.

Vitamina D per il cuore e i vasi sanguigni

Nel contesto delle malattie cardiovascolari (CVD), i fattori di rischio come obesità, fumo, mancanza di movimento, colesterolo alto o omocisteina sono i più comuni. Tuttavia, ci sono studi che mostrano chiaramente la necessità di vitamina D per la salute cardiaca e vascolare. Gli uomini con carenza di vitamina D hanno un rischio 2 volte più elevato di infarto. La bassa quantità di vitamina D (inferiore a 15 ng / ml) aumenta il rischio di CVD del 62% e influenza anche l'insorgenza di ipertensione.

La vitamina D protegge il sistema cardiovascolare in diversi modi: agisce sulle cellule muscolari lisce, riduce l'infiammazione, aiuta a controllare la calcificazione dei vasi sanguigni, migliora la funzione endoteliale (rivestimento interno dei vasi) e riduce la pressione sanguigna.

D abbastanza per il diabete

L'ultimo studio mostra che la vitamina D probabilmente partecipa al funzionamento delle cellule beta (cioè quelle che producono e rilasciano l'insulina nel pancreas), interferisce con la sensibilità del corpo all'insulina e influenza il modo in cui il nostro corpo risponde a glucosio.

L'effetto positivo della vitamina D non è solo per il diabete di tipo 2, ma anche per il primo tipo, che è una malattia autoimmune. Il basso numero di ore di luce solare si correla con l'insorgenza del diabete di tipo 1.

L'assunzione sufficiente di vitamina D durante la gravidanza, l'allattamento e la prima infanzia è in grado di ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 1. Uno degli aspetti cruciali è l'effetto diretto della vitamina D sul sistema immunitario, che è ben documentato.

Fonte: Glen Matten, Aidan Goggins:Sdraiati sulla salute (Come raggiungere una salute eccezionale), Pubblicazioni Jota, 2013