La vitamina D è un nutriente essenziale per il corpo umano. I suoi effetti positivi sono lontani dalle ossa, ma interessano molte aree della nostra salute. La vitamina D migliora notevolmente la nostra capacità di resistere a malattie croniche gravi.

Poiché la vitamina D ha un impatto integrale su molti aspetti della nostra salute, forniamo informazioni in tre articoli.

Vitamina D e ossa

La salute delle nostre ossa dipende dal legame funzionale tra vitamina D e calcio. La vitamina D aumenta la quantità di calcio nel sangue, che porta ad un'intensa mineralizzazione delle ossa. A bassi livelli di vitamina D si riducono anche i livelli di calcio nel sangue. Questo fa sì che il calcio inizi a essere rilasciato dall'osso, il processo opposto, dall'azione dell'ormone paratiroideo.

Per ottenere una condizione ossea sana, dobbiamo avere un livello minimo di 20 ng / ml di vitamina D. Il valore ottimale riduce il rischio di fratture e persino cadute. La prevenzione del rischio di osteoporosi e fratture deve essere risolta poco dopo la nascita e almeno durante i mesi invernali.

Vitamina per decenni

Bassi livelli di vitamina D sono attualmente associati al rischio di molte malattie come il diabete, vari tipi di cancro, malattie cardiovascolari, sclerosi multipla, artrite reumatoide, preeclampsia, malattie infettive, morbo di Alzheimer e persino disfunzioni neurocognitive. Questo è il motivo per cui la vitamina D è ora conosciuta come la "vitamina del decennio". È stato confermato che il tasso di mortalità per malattie selezionate aumenta in base alla latitudine, cioè più lontano è l'equatore, maggiore è il rischio di malattia.

Vitamina D e cancro

La vitamina D può essere immaginata come un guardiano nelle speciali posizioni delle cellule del nostro corpo. Quando la cellula è invasiva o non funziona correttamente, la vitamina D attiva un allarme e attiva i meccanismi di difesa cellulare. Senza le D-guard, le cellule danneggiate potrebbero svilupparsi e crescere in modo incontrollabile. Nel genotipo umano, ci sono più di 1000 geni sensibili alla vitamina D e molti di essi influiscono su funzioni importanti come la regolazione della proliferazione o differenziazione cellulare. Secondo studi precedenti, il più potente effetto protettivo della vitamina D nel cancro del colon e della mammella è. L'aumento dei livelli di vitamina D nel sangue superiore a 30 ng / ml ha ridotto il rischio complessivo di tutti i tipi di cancro del 35%.

Fuente: Glen Matten, Aidan Goggins: Sdraiati sulla salute (Come raggiungere una salute eccezionale), Pubblicazioni Jota, 2013